Programma di fornitura

I seguenti tipi di glicoli possono essere acquistati in modo rapido ed economico presso di noi:

Desiderate acquistare del glicole?

Se desiderate un preventivo non vincolante utilizzate il nostro modulo di richiesta per comunicarci il tipo di glicole e la quantità necessaria (kg).

In linea di principio consegniamo a domicilio gratuito, in acconto e con un termine di pagamento di 14 giorni netti.

Potete contattarci telefonicamente:

+49 (0) 2641 – 20510 0

Richiedi un preventivo

    Dati tecnici

    Monoetilenglicole
    MEG
    Dietilenglicole
    DEG
    Trietilenglicole
    TEG
    1,2 Propilenglicole
    MPG
    1,2 Propilenglicole
    MPG HP
    MPG HP è un glicole propilenico di elevata purezza che soddisfa chimicamente i requisiti delle farmacopee Ph. Eur. e USP.
    Informazioni generali
    Numero CAS 107-21-1 111-46-6 112-27-6 57-55-6 57-55-6
    Numero CE 203-473-3 203-872-2 203-953-2 200-338-0 200-338-0
    Numero di registrazione REACH 01-2119456816-28 01-2119457857-21 01-2119438366-35 01-2119456809-23 01-2119456809-23
    Sinonimi
    • Ethylenglykol (EG)
    • Äthylenglycol/-glykol
    • Monoethylenglycol/-glykol
    • Ethandiol
    • 1,2-Dihydroxyethan
    • 1,2-Ethandiol
    • Ethan-1,2-diol
    • Ethylenalkohol
    • Ethylenoxidhydrat
    • Glycol/Glykol
    • 3-Oxapentan-1,5-diol
    • Dihydroxydiethylether
    • 2,2′-Oxydiethanol
    • Diethylenglykol
    • Diglycol
    • Diglykol
    • Triglycol
    • Triglykol
    • Triethylenglykol
    • 2,2′-(Ethylendioxy)diethanol
    • 1,2-Propandiol
    • 1,2-Propylenglycol
    • 1,2-Dihydroxypropan
    • Monopropylenglycol
    • Monopropylenglykol
    • Propylenglycolum
    • 1,2-Propandiol
    • 1,2-Propylenglycol
    • 1,2-Dihydroxypropan
    • Monopropylenglycol
    • Monopropylenglykol
    • Propylenglycolum
    Formula strutturale
    Glykol Strukturformel Ethylenglykol
    Glykol Strukturformel Diethylenglykol
    Glykol Strukturformel Triethylenglykol
    Glykol Strukturformel Propylenglykol
    Glykol Strukturformel Propylenglykol high purity
    Formula molecolare C2H6O2 o. C2H4(OH)2 C4H10O3 C6H14O4 C3H8O2 C3H8O2
    Caratteristiche
    Punto di ebollizione 197,6 °C 244,8 °C 287,4 °C 187,9 °C 187,9 °C
    Tensione di vapore 0,053 mbar 0,027 mbar 0,005 mbar 0,11 mbar 0,11 mbar
    Punto di scorrimento -57 °C -52 °C -59 °C -59 °C
    Densità 1,113 1,116 1,123 1,036 1,036
    Conducibilità termica 0,25 W/mK 0,20 W/mK 0,19 W/mK 0,20 W/mK 0,20 W/mK
    Viscosità dinamica 21,0 mPa s 36,8 mPa s 48,1 mPa s 55,0 mPa s 55,0 mPa s
    Punto di infiammabilità 111 °C 124 °C 177 °C 103 °C 103 °C
    Istruzioni di sicurezza
    Pittogrammi GHS
    Attenzione

    Attenzione
    Nessuna sostanza pericolosa
    ovvero miscela pericolosa
    Nessuna sostanza pericolosa ovvero miscela pericolosa Nessuna sostanza pericolosa ovvero miscela pericolosa
    Schede dati
    Scheda dati di sicurezza
    Specificazione

    Proprietà e impiego del glicole e della miscela glicole/acqua

    I glicoli sono composti organici costituiti da un idrocarburo alifatico (radicale alchilico) e due gruppi idrossilici.

    Scientificamente parlando sono denominali “dioli” (alcoli bivalenti), derivati dell’etilenglicole (il cosiddetto “1,2-diolo”, “dioli vicinali” o “alcanoli”) e risultanti dalla seguente formula chimica.

    C2H2n(OH)2     n = 2, 3, 4 …

    I nostri etilenglicole e propilenglicole ne sono degli esempi.

    I derivati dell’etilenglicole, i cui gruppi idrossilici non sono disposti vicinalmente sono a loro volta definiti “glicoli”. I glicoli trovano spesso impiego nei refrigeranti e negli antigelo e negli sbrinatori perché il punto di fusione è da -10 a -15 °C (concentrato) al di sotto di quello dell’acqua. In combinazione con l’acqua (miscela glicole/acqua) il punto di fusione si abbassa ulteriormente e può raggiungere anche i -55 °C, a seconda del rapporto di miscelazione.

    In caso d’impiego di miscela Glicole/acqua occorre prestare attenzione, in quanto queste miscele possono avere un effetto molto corrosivo sui metalli. L’aggiunta di inibitori di corrosione e stabilizzatori è indispensabile in questo caso. I nostri concentrati “Glysofor” contengono già tutti gli importanti componenti per proteggere in modo ottimale il rame, l’ottone, l’alluminio, la lega dolce di saldatura, l’acciaio, il ferro, la ghisa, ecc. contro la corrosione.

    I glicoli puri sono forniti come solventi e additivi per vernici, coloranti e detergenti, così come materia prima per la produzione della plastica e degli antigelo. Il trietilenglicole, per le sue proprietà igroscopiche, è usato come deumidificatore, ad esempio, nel settore petrolifero e del gas.

    Etilenglicole

    Il (mono)etilenglicole (MEG) è colloquialmente denominato “glicole”. Il MEG è l’alcol bivalente più semplice e ha la denominazione chimica di “etan-1,2-diolo”. Perciò è il diolo più semplice. Altri dioli sono il dietilenglicole (DEG), il trietilenglicole (TEG) o il polietilenglicole. La maggior parte dei glicoli prodotti trova utilizzo come antigelo (salamoia) in fluidi termovettori a base d’acqua e in fluidi refrigeranti (Glysofor N). Grazie all’azione di abbassamento del punto di congelamento, il glicole è impiegato anche come componente base nei liquidi sbrinatori e come antigelo nel settore aeronautico. Il glicole è usato insieme all’acqua anche come fluido idraulico a causa dell’alto punto di ebollizione, della relativamente bassa pressione di vapore e della buona compatibilità con l’acqua. Il glicole è fortemente igroscopico, quindi è adatto come essiccatore di gas e liquido di tenuta. Inoltre il glicole è utilizzato come solvente e umidificante nel settore cosmetico e nella produzione di inchiostri da stampa e da timbro, oltre che come prodotto intermedio reattivo nella produzione delle fibre di poliestere.

    Dietilenglicole

    Il dietilenglicole è denominato “diglicole” nel linguaggio comune. Il dietilenglicole è un derivato dell’etilenglicole e appartiene quindi al gruppo degli alcoli. Il dietilenglicole è sintetizzato dalla etossilazione dell’etilenglicole con ossido di etilene. Generalmente si presenta come prodotto secondario nella produzione dell’etilenglicole. La maggior parte del dietilenglicole prodotto è utilizzata come materia prima per la sintesi delle resine poliesteri. Inoltre serve come solvente per la nitrocellulosa, le resine sintetiche, i coloranti, gli oli e alcune altre sostanze organiche. Il dietilenglicole trova impiego anche come umidificante per il tabacco, i tappi di sughero, le vernici e le colle. Una miscela di dietilenglicole e acqua può essere usata anche come antigelo. Tuttavia, di solito, per questo scopo si utilizza l’etilenglicole che è più adatto. Nel caso di una miscela di dietilenglicole/acqua il punto di ebollizione aumenta molto più rispetto a una miscela di acqua/glicole. Per questo motivo il dietilenglicole è usato come additivo nei liquidi idraulici e per freni.

    Trietilenglicole

    Il trietilenglicole è denominato “triglicole” nella lingua comune. Il trietilenglicole è prodotto dalla etossilizzazione del dietilenglicole e si presenta come prodotto secondario della produzione dell’etilenglicole. A causa del suo elevato punto di ebollizione il trietilenglicole è usato nelle applicazioni ad alta temperatura (> 200 °C). Si tratta di un importante prodotto intermedio nella produzione delle resine poliesteri. Grazie alla sua capacità di neutralizzare gli odori, il trietilenglicole è impiegato nei deodoranti per l’ambiente (air sanitizer). Inoltre il trietilenglicole ha un’azione essiccante sull’aria ambientale e disidratante sui microrganismi. Grazie al trietilenglicole è possibile disinfettare l’aria nelle aree igieniche. Il trietilenglicole trova impiego anche negli impianti frenanti e negli impianti idraulici per aumentare il punto di ebollizione del liquido. Inoltre serve per deumidificare il metano prodotto dagli impianti offshore.

    Propilenglicole

    L’1,2-propandiolo (1,2-propilenglicole) è un liquido trasparente, incolore, pressoché inodore e fortemente igroscopico. Il propilenglicole appartiene agli alcanoli multivalenti. È miscibile in acqua in qualsiasi rapporto, ma non con gli oli grassi. A livello industriale il propilenglicole è prodotto mediante l’idrolisi dell’ossido di propilene. A tale scopo si ricorre a un processo ad alta temperatura senza catalisi tra 200 e 220 °C. Il propilenglicole è contenuto negli articoli per l’igiene come le creme per la pelle, i dentifrici e i deodoranti con la funzione di umettante e ammorbidente. Il propileglicole può migliorare notevolmente la solubilità di diverse sostanze e garantire una dispersione più stabile dei principi attivi negli unguenti. Inoltre può contribuire a un notevole miglioramento dell’assorbibilità di diverse sostanze. Il propilenglicole è usato nell’industria alimentare come vettore e agente disperdente per coloranti, antiossidanti, emulsionanti ed enzimi. Grazie alla sua sicurezza è usata come fluido refrigerante nel settore alimentare (Glysofor L e Glysofor F), negli antigelo, nelle salamoie, nei liquidi per impianti solari (Glysofor Solar), nei liquidi salini per i collettori geotermici, ecc.. Il propilenglicole è usato come additivo nel mangime dei bovini da latte e nell’UE + ammesso come additivo alimentare (E1520).

    Avete domande?

    Saremo lieti di offrirvi la nostra consulenza gratuitamente e senza alcun impegno per
    trovare il prodotto adatto per il vostro scopo applicativo.

    Domande